Antenna Uno RockStation
 Informazioni Utente
Benvenuto, Anonymous
Login-Entra
Registrati
Persone Online:
Visitatori: 176
Iscritti: 2
Totale: 178

Online ora:
01: EtsukoSell
02: MarieRxn10

The Hives -Tyrannosaurus Hives

Fino ad un lustro fa il quintetto svedese di Hives era poco più di un gruppetto a cui dare attenzione solo ed esclusivamente se ancora legati in maniera maniacale alle reminescenze garage/rock’n’roll. Insomma se si era un po’ nostalgici e avulsi alla rivoluzione in atto grazie a gente come Radiohead o se ci si era già rotti le scatole di Jungle, Big Beat e di tutto ciò che la parte finale degli anni ’90 hanno prodotto, band come questa erano un vero e proprio toccasana. Ma non furono in molti ad accorgersi del loro non originale, ma comunque accattivante sound, spesso o quasi sempre marcatamente derivativo, ma frizzante, sporco e trascinante. Poi una botta di fortuna di quelle che te ne capitano una si e no nella vita: il rock’n’roll è tornato di moda e questi paciocconi scandinavi già c’erano, il loro disco “Veni Vidi Vicious” non si era bruciato e allora perché non ripescarlo? Ci ha pensato la Universal a sfruttare il business e a rilanciarli sul mercato, dopo aver pagato fior di quattrini i diritti alla Burning Heart, quando per molti di noi “Hate to say i told you so” era già un tormentone da cui disintossicarsi. La mossa ha funzionato e il globo intero è impazzito per gli Hives. L’Inghilterra in particolare. A circa tre anni da quella perfetta mossa commerciale, il rock’n’roll funziona ancora (di più) e di bands sul genere negli ultimi due, tre anni, ne sono uscite a bizzeffe. Qualcuna con bei dischi, altre con singoletti e poco più. Poteva tardare il nuovo Hives? Certo che no e dunque eccoci al cospetto di “Tyrannosaurus Hives”. Qualcuno lo attendeva come un paio di decenni or sono ci si apprestava a cogliere le grandi opere di band tutt’oggi di culto (scegliete voi il nome che vi sta più caro). Un’esagerazione, palesata dalla qualità di queste dodici nuove canzoni firmate Hives. Parliamone come di un disco onesto, perché in effetti di questo si tratta, ma per favore non come di un album su cui sprecare troppo tempo. Hives non erano e non sono divenuti dei fenomeni. Se non altro hanno avuto il coraggio e la voglia di rimanere legati alla propria spontaneità e soprattutto al rock’n’roll. Qualche volta seguono l’andazzo generale e caricano le chitarre, pescando dell’hard rock (in particolare nel primo singolo estratto “Walk idiot walk”), altre rimangono assolutamente se stessi e quindi, lasciatemelo dire, fotocopiano quanto ci avevano già proposto solo quattro anni fa, ma purtroppo pare anche che abbiano perso un po’ di smalto. Hanno aggiustato o gli hanno aggiustato troppo i suoni, che ora non sono più abbastanza ruvidi, e sporchi e l’intero disco pare abbastanza piatto, salvo per alcuni episodi come “A little more for little you” (per il mio gusto la canzone più carina del disco). In definitiva “Tyannosaurus Hives” è un disco che se fosse stato meno atteso avremmo forse accettato come una prova sufficiente (discreta, vah!) da parte di una band simpatica e brava a fare il proprio mestiere, ma a questo punto rimanerne parzialmente delusi è quasi d’obbligo. Almeno da parte mia.

Aggiunto: August 9th 2004
Recensore: ZannaDj
Voto:
Hits: 709
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni | Posta Commento ]


Warning: mysql_fetch_row(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /web/htdocs/www.antennaunorockstation.it/home/includes/sql_layer.php on line 286




Powered by Foring.Net
Web site engine's code is Copyright © 2003 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.310 Secondi